Girovagando

Tutti i diktat della primavera/estate 2018

È primavera, quasi!

Ma la moda guarda avanti, non ci fa vivere questa primavera che già pensa alla prossima stagione p/e 2018. Io, che a differenza della moda, arrivo sempre in ritardo, reduce da fiere su scarpe, borse, pelli, conferenze su trend futuri e nuove suggestioni, faccio con calma il punto sugli input per la bella stagione 2018.

 

 Cosa c’è di nuovo

Scambio di ruoli tra giorno e notte

Che sia giorno o che sia notte, via libera a brillii, polvere di stelle, decori massimalisti, perlature trasparenti a ogni ora.

Le minuterie sono ricercate: ottoni, metalli borchiati, ori lucidi, dettagli tecno-romantici, catene per borse colorate, pizzi, filigrane, macramè, legni, conchiglie, intrecci, frange in pelle, cotone, raffia, effetti jeans, zip, microforati.

Festival everywhere

Non tutti hanno la fortuna di partecipare a Coachella, il festival musicale che si svolge a fine aprile negli States. Anche in Italia, però, ci sono diverse manifestazioni musicali e artistiche, quindi, niente più scuse: partecipare ai festival è il diktat dell’estate 2018.

Per farlo, l’atteggiamento giusto è quello giovane, anticonvenzionale e con un look casual e personalizzato che richiami il mondo dello sport più grunge, come skateboard e surf.

Realismo iperdigitale

Siete collegati sempre e dovunque, o cercate un angolino di mondo dove non ci sia campo?

Sia che abbiate bisogno di condividere ogni momento della vostra vita, che siate esponenti delle due esperienze del momento più immersive, il Pokemon Go o il Tilt Brush by Google, sia che siate dei contemporanei del non contemporaneo e vi rifugiate nel non-raggiungibile e nel vintage (Nokia ha appena lanciato la nuova versione dell’amatissimo Nokia 3310), il colore del vostro stato d’animo è il blu.

Colore del cielo, della comunicazione, della congiunzione tra passato e futuro, colore della rete e di Facebook, il blu rappresenta il realismo iperdigitale.

Tre mood

INVISIBLE richiama l’invisibile, la purezza di linea, l’essenziale, il trasparente.

Le immagini di questo mood nascono dalle nostre distorsioni e sfumature, gli effetti sono sfuocati, imperfetti, come un acquarello.

I dettagli sono legno, ottone, minuterie in argento, righe, borchiature, microfori, plissetati, retine, intrecci di fili in gomma.

I materiali sono naturali, come la canapa, il lino, i riciclati (ad esempio viene riciclata la plastica tratta dall’Oceano).

I toni sono il verde no gender scuro e un po’ brillante e il cuoio.

 

OVERSHADE richiama le forme semplici e basiche.

Le immagini di questo mood sono fantasie microgeometriche, texture, righe, pois.

I dettagli sono chiusure magnetiche.

Le microgeometrie rappresentano pois, righe e microrighe.

I toni sono pastello con tocchi fluo lucidi e opachi.

 

CHANGEABLE richiama i ricami, le stampe, le cangianze.

Le immagini di questo mood sono giochi di sfumature.

I toni sono sfumature multicolore e delicate, glitter opachi.

 

Cartella colori

  • Colori naturali, polvere, terra, blu
  • Colori fluo
  • Colori pastelli leggeri (sull’invernale vedremo la gamma rosso-viola)

*fonti: Fashion Conference Lineapelle

 

 

Rispondi