Le avventure di Alice

San Valentino, inizia il countdown

-1 a San Valentino.

Diciamocela tutta, San Valentino non è una festività simpatica a nessuno. Né a chi è fidanzato, che non può apertamente ammettere “stasera festeggio” senza essere guardato con sufficienza da chi non approva una festa così convenzionale. Né a chi fidanzato non lo è e sono anni che compra tubi di Baci Perugina per poi mangiarseli da solo.

Superare il giorno più smielato dell’anno da single, effettivamente, non è facile.

Mi ricordo che quando ero piccola usava dividere un cuore d’argento in due. Dopo due anni che il cuore restava intonso nel cassetto, al terzo anno lo divisi con mia madre.

Ora che di 14 febbraio ne sono passati 30, sono molto più esperta e più creativa. Per cui, per questo San Valentino, se non avete il fidanzato, suggerisco:

  1. Inviatevi un mazzo di fiori in ufficio con tanto di bigliettino d’amore, fingendo un misterioso pretendente che nel giorno più romantico dell’anno ha deciso di fare outing. Non vi salverà la serata, ma comunque susciterà chiacchiericcio tra i colleghi, che si chiederanno incuriositi quale uomo nel 2017 investe su fiori recisi, piuttosto che risparmiare e inviare al massimo l’emoticon dei tulipani su Whatsapp.
  2. Vestitevi con una pelliccia a cuore rosso di Yves Saint Laurent. Distoglierete l’attenzione da San Valentino e dagli innamorati: sarete il cuore più grande e più kitsch in circolazione.
  3. Fatevi una tisana disintossicante. Ormai il “buttiamoci sull’alcol e dimentichiamo tutto” ha stufato. L’alcol fa ingrassare, spesso non fa dimenticare, ma fa passare serate che vi ricorderete tutta la vita. Lasciamo l’alcol a chi a San Valentino scopre che il suo compagno cerca nuove amiche su Tinder…
  4. Amiamo comunque. Che sia un vicino di casa o di scrivania ignaro dei nostri sentimenti, che sia il nostro ex, l’amore è il motore della vita e ci fa stare bene.
  5. Amore sì, ma le macumbe non si fermano mai. Che il vicino di casa o di scrivania, ignaro dei nostri sentimenti, si svegli e se fa finta di non vedere, a San Valentino lo aspetta il wc. Quanto all’ex, se esce con un’altra a cena a festeggiare, intossicazione alimentare assicurata.

Ricapitolando, vestite con una pelliccia rossa a cuore, con in mano un mazzo di fiori che vi siete auto regalati, amate e odiate insieme, e cercate ogni minuto un bagno per far pipì dopo un litro di tisana disintossicante.

Forse meglio lasciare stare le strategie e a San Valentino andarsi a mangiare una pizza con i vostri amici. A me il pizzaiolo ha anche fatto una pizza a cuore, alla faccia di tutti gli innamorati e delle loro pizze tonde.

 

 

 

Rispondi